Il volo dell’«Annunciazione» verso Tokyo

L’Annunciazione di Leonardo è arrivata alle 10 di questa mattina, ora locale, all’aeroporto di Tokyo, dopo dodici ore di volo. Ad attendere il Boeing 777 «Positano», decollato da Fiumicino alle 14, un nugolo di poliziotti e anche il professor Hidehiro Ikegami, tra i massimo esperti nipponici di Leonardo e sovrintendente all’esposizione di Tokyo. Emozionante il momento in cui il contenitore a tre strati che racchiude la tempera su tavola è stato fatto scendere dalla stiva dell’aereo in cui ha viaggiato bloccato su una piastra metallica ancorata al pianale del velivolo. «Il prestito di un’opera di tale valore artistico - ha dichiarato Hidehiro Ikegami - è la prova più sincera del profondo rapporto di amicizia che lega Italia e Giappone». Lo studioso ha anche espresso la propria emozione nel reincontrare il genio di Leonardo, 33 anni dopo l’esposizione della Gioconda che attirò un milione e mezzo di visitatori nel 1974.