Volontari spazzano il Ticinese Oggi in 3mila puliscono i Navigli

Sono arrivati a decine. Manager di multinazionali, studenti e casalinghe che armati di scopa e paletta ieri pomeriggio hanno ripulito le vie del Ticinese da cartacce e bottiglie. A riunirli è stata l’associazione «Essere cittadini oggi» che ha lanciato la prima di una serie di iniziative per combattere il degrado. «Non vogliamo accusare le istituzioni ma lanciare un segnale contro l’incuria e l’indifferenza di molti cittadini», racconta Angelo Manenti, il presidente, in corso Genova. Vicino a lui i volontari dell’associazione mostrano le foto degli angoli di Milano abbandonati. «Gli esempi di degrado purtroppo non mancano - aggiunge Manenti, di professione medico -. La prossima manifestazione sarà in difesa dei monumenti, spesso trascurati». Si terrà oggi, invece, la prima «giornata ecologica dei Navigli lombardi». Regione e Società consortile Navigli lombardi (insieme alle Province di Milano e Pavia, Legambiente, Amici della Terra, Parco del Ticino, Parco Adda Nord e Consorzio dei Comuni dei Navigli) coinvolgeranno 3mila volontari nella pulizia dei canali. Il ritrovo è alle 9.30 in diversi punti lungo i navigli Grande, Pavese e della Martesana. In città i punti di ritrovo sono nove: viale Gorizia, Ripa Ticinese, via Ludovico il Moro, sottopasso Brunelleschi, via Ascanio Sforza, Chiesa Rossa, Zuretti, Agordat e piazza Costantino. I volontari potranno devolvere a un’associazione benefica i 10 euro che Navigli Lombardi metterà a loro disposizione. La raccolta dei rifiuti nell'alveo e lungo le sponde dei canali terminerà alle 12.30. Bisogna presentarsi muniti di stivali, l'organizzazione fornirà il resto.