La prima volta della De Niese E Robert Redford fa il poeta

A Cortona grandi spettacoli con la 28enne rivelazione e l’attore e regista che legge poesie

da Milano

È noto per l’incredibile fiuto nello scovare talenti. Che poi coltiva, spinge e piazza nei festival e nelle sale che contano. Abile, poi, per come sa attrarre a sé gli artisti che già sono una garanzia. E a 46 anni, Barrett Wissman si ritrova alla testa di una flotta di 500 artisti dai nomi eccellenti o alla moda, tutti riuniti sotto la cupola della Img Artists, la sua agenzia di management artistico. Per il suo impero di musicisti, l’impresario sta producendo appositi spazi d’approdo, cioè festival, individuati nelle città economicamente emergenti come Abu Dhabi, l’ultima conquista dopo Singapore, o storicamente intriganti. Caso quest’ultimo di Cortona dove da sei anni è un appuntamento fisso il Tuscan Sun Festival, che è poi il primo – in ordine di tempo – della rete dei Sun Festival messa a punto da questo magnate della musica.
Anche per l’edizione 2008, da sabato al 10 agosto, approdano a Cortona artisti della IMG. Si punta sugli effetti speciali, per cui si gioca la carta del grande nome, quello del direttore d’orchestra (di Santa Cecilia di Roma e del Covent di Londra) Antonio Pappano per esempio. Così come si ricava l’unica tappa italiana per l’artista rivelazione, ignoto o quasi da noi, vedi la ventottenne cantante Danielle De Niese, donna che per fascino e meraviglie della voce (così si dice) è candidata a subentrare ad Anna Netrebko, il soprano più glamour del momento (sui contenuti artistici, varie sono le tesi). Poi c’è il colpo grosso dell’attore hollywoodiano che a Cortona legge poesie di Robert Frost accompagnato al pianoforte da Nicola Luisotti. Alludiamo a Robert Redford che condivide la serate (dell’8 agosto) con il regista e attore Gabriele Lavia impegnato in letture di Leopardi.
Sabato inaugurazione sulle punte. Quelle di un teatro simbolo della danza, il Bolshoi che porta a Cortona, in piazza Signorelli, i solisti del corpo di ballo di Mosca. Sorta di orchestra residente è la Ubs Verbier che interviene in abbinata al violinista Pinchas Zukerman e alla pianista Gabriela Montero con Pappano sul podio, quindi con Ana Maria Martinez e José Cura e in altra sessione al fianco del violinista Joshua Bell e di Piotr Anderszewski, pianista di ultima generazione straordinariamente musicale.