La prima volta di Renault con il crossover Koleos C’è anche l’opzione 4x2

da Fez

La prima volta di Renault nel mondo dei Suv. Si chiama Koleos la nuova vettura trasversale, definita crossover per la sua versatilità su tutti i terreni e per la flessibilità nell’uso quotidiano, dove svetta per il comfort e per l’abitabilità, molto vicina a quella di una monovolume. Il debutto è avvenuto sulle impervie strade attorno a Fez, in Marocco, nella cornice dei laghi salati dove si spingono solo asini e muli. Un battesimo difficile in condizioni estreme, superato brillantemente grazie alla trazione integrale del socio giapponese, quella cioè che la Nissan utilizza sulla X-Trail.
E con l’occasione hanno scelto come motore benzina l’efficiente 2.5 16V da 170 cv giapponese. Il resto è stato fatto in casa. A partire dal design, che ne rivela l’appartenenza alle 4x4, espressivo ma non aggressivo come in altri Suv più estremi, dove spiccano i passaruota allargati e un discreta altezza da terra, fino ad arrivare al propulsore diesel Renault 2.0 declinato per l’occasione in due offerte di potenza (150 e 175 cavalli).
Le dimensioni 4,520 metri di lunghezza, 1,854 di larghezza e 1,720 di altezza sono consone al ruolo di «tuttofare» della Koleos. L’abitacolo è strutturato per la massima visibilità dei comandi, oltre a una curatissima estetica. A prima vista si ha la sensazione di ammirare un’onda originale. I sedili sono rialzati per migliorare la visibilità, buona anche verso la parte posteriore grazie all’ampia vetratura. Il posto di guida ha un’aria familiare soprattutto per chi ha già guidato auto Renault. Molti comandi, infatti, sono utilizzati su altri modelli della casa francese come il navigatore satellitare, il pulsante di accensione start-stop, il pulsante dei sensori di parcheggio.
Interessante è la soluzione del portellone diviso in due parti che permette di riporre gli oggetti senza dover aprire la ribaltina, utile quando si devono caricare bagagli ingombranti. Il volume a disposizione è di 450 litri che diventano 1.380 ribaltando la seconda fila di poltrone. Il sedile anteriore con lo schienale ripiegabile in avanti permette di introdurre oggetti lunghi fino a 2,60 metri. Interessante dal punto di vista meccanico la trazione integrale con giunto elettromagnetico, più efficace in fuoristrada dei comuni giunti viscosi. Della Koleos sarà commercializzata anche una versione a due ruote motrici. Questo modello partirà da 22.950 euro con il 2.5 benzina da 170 cv, oppure da 24.950 euro con il common rail 2.0 dci da 150 cv. Le versioni 4x4 invece sono tutte Dynamique e partono da 25.950 per la 2.5 benzina, e da 27.950 per la 2.0 dci da 150 cv modello che rappresenta il cuore della gamma. I clienti tuttavia possono scegliere anche la 2.0 dci 150 cv con il cambio automatico Proactive oppure la 2.0 dci da 170 cv, entrambe con un listino di 30.200 euro.
Prodotta nello stabilimento di Pusan (Corea), Koleos è la prima auto Renault la cui industrializzazione è stata affidata a Renault Samsung Motors, filiale controllata all’80,1% dalla casa francese. La produzione attuale è di circa 180mila vetture l’anno, ma la capacità massima può arrivare fino a 240mila unità l’anno. L’investimento industriale è stato limitato a 178 milioni di euro, compreso l’adeguamento dello stabilimento e gli investimenti realizzati presso i fornitori. Per l’ingegnerizzazione, invece, sono stati spesi circa 220 milioni. Koleos sarà commercializzata in 40 Paesi e nei cinque continenti a partire dal 6 giugno. In Italia occorrerà attendere il weekend del 14-15 giugno.