Voltri Giù il capanno, c’è la piazza delle feste

Finalmente, dopo anni di contenziosi e diversi pronunciamenti del Tar in merito a una vecchia concessione demaniale, la vicenda del fatiscente capannone appartenente alla ditta Puppo Metalli, sulla nuova passeggiata a mare di Voltri e adiacente al Liceo scientifico Lanfranconi, è giunta a una conclusione con la revoca definitiva della concessione. «Una ventina di giorni fa c'è stato lo sgombero del pericoloso capannone e all'interno dell'area sono cessate tutte le attività - racconta Mauro Avvenente, Presidente del Municipio Ponente - stiamo sollecitando l'Autorità Portuale affinché metta in sicurezza l'edificio, parliamo di un manufatto pericolante che deve essere demolito al più presto». Il tetto e le pareti del capannone sono infatti ricoperte da vecchie lastre di metallo arrugginite, la cui pericolosità è evidente e aumenta in una zona, come quella di Voltri, soggetta all'azione costante di forti venti. «Le lamiere che ricoprono l'edificio rischiano di staccarsi - spiega Avvenente - e rappresentano un pericolo divenuto ormai insopportabile».
«Non è immaginabile che una situazione di pericolo di tale portata continui a incombere su mamme e ragazzi che si recano a scuola o sugli anziani che frequentano la passeggiata», conclude il Presidente. L'Autorità Portuale, ritornata in possesso dell'area, conferma la sua totale disponibilità per risolvere una volta per tutte la questione. «Per il capannone è prevista la demolizione - spiega Andrea Pieracci, Direttore tecnico dell' Autorità Portuale - entro la fine del mese prossimo sarà bandita la gara e la ditta vincitrice si occuperà dell'operazione». La demolizione dell'edificio dovrà avvenire entro la fine dell'anno o al massimo i tempi potrebbero dilatarsi fino ai primi giorni del 2011. «L'Autorità Portuale è intenzionata a mettere a disposizione del Comune l'area bonificata - continua Pieracci - spetterà all'amministrazione decidere la futura destinazione d'uso dell'area. Per l'Autorità Portuale la zona deve essere destinata alla esigenze della collettività».
L'abbattimento dell'edificio restituirà ulteriori spazi di affaccio sul mare di Voltri e il Municipio, in accordo con il Comune, sta valutando attentamente le diverse possibilità in modo da sfruttare al meglio la superficie liberata.
Il Presidente Avvenente sottolinea l'intenzione di non abbandonare la zona al possibile degrado, con il concreto rischio che in breve tempo possa trasformarsi in un comodo deposito di rifiuti o quant'altro.
«Le ipotesi più probabili per la trasformazione dell'area sono due - racconta Avvenente - stiamo ragionando su un possibile allargamento di Piazza Caduti Voltresi per consentire la realizzazione di nuovi parcheggi. Inoltre pensiamo di attrezzare l'area per realizzare spettacoli, manifestazioni culturali e fiere». L'obiettivo è utilizzare la zona come trampolino di lancio per promuovere e valorizzare i prodotti del territorio, per esempio le focaccine di Voltri e la farinata di Pegli. «Vogliamo che la zona diventi un'opportunità in più per promuovere le eccellenze della delegazione - continua Avvenente - senza dimenticare che il 2011 sarà il bicentenario della Duchessa di Galliera, stiamo progettando varie iniziative per ricordarla, e questo spazio potrebbe risultare molto utile».