Vorrei Scappare ma poi rimango

Caro Direttore ho notato che dai «Dibattiti del Giornale» è sorto un nuovo dilemma amletico: Restare o Andarsene via da Genova? E allora non ci rimane che elencare alcuni motivi per cui restare a Genova o andarsene. Vado via da Genova perché è una città ormai distrutta dall'egemonia «rossa». Resto per vedere cadere questa egemonia! Vado via da Genova perché non è più una pietra miliare del turismo italiano. Resto per vedere Genova tornare «superba»!
Vado via perché a Genova «abbiamo il sole in piazza rare volte e il resto è pioggia che ci bagna». Resto perché mi mancherebbe la «maccaia»! Vado via da Genova perché è la città del mugugno. Resto perché non potrei vivere senza! Vado via da Genova perché si ricordano solo le vittime del terrorismo neofascista e mai quelle del terrorismo rosso. Resto per vedere la targa della via intitolata a Ugo Vittorini! Vado via da Genova perché molti giovani imprenditori e neo laureati non riescono ad emergere. Resto perché un domani, si spera vicino, riusciremo ad ottenere lo spazio che ci spetta! Vado via da Genova perché se non la pensi come «loro», politicamente, non hai speranze. Resto per vedere una nuova Genova guidata dal Centrodestra! Vado via da Genova perché non è stato possibile fare il convegno sui Fatti di Genova del 30 giugno 1960. Resto per vedere un pluralismo politico! Vado via da Genova perché il più grande e antico Centro Storico europeo è in mano al degrado. Resto per vederlo risorgere! Non vado via perché voglio vedere una nuova e migliore Genova!
*studente di Economia
militante del Popolo della Liberta