Vorrei una vera carità cristiana e con saggezza

Caro Babbo Natale, sono passati molti anni dall’ultima volta che ti ho scritto. Da bambina questo era il momento più magico delle feste, quando preparavo la letterina, con il disegno della mia casa perché Babbo Natale la riconoscesse facilmente, chiedendogli i doni che desideravo. «Neanche Babbo Natale è ricco» mi diceva la mamma, perciò chiedevo cose semplici, non troppo costose, che poi trovavo puntualmente sotto l’albero. Ora che ho passato il mezzo secolo, sento la necessità di scriverti di nuovo, caro Babbo Natale, perché abbiamo bisogno del tuo aiuto. Forse invece di portare tanti doni, che neanche i bambini sanno più (...)