Un voto al fidanzato «usato»: così l’ex si ricicla su internet

Quello che è spazzatura per noi, può essere un gioiello per un’altra. Ed ecco che molte donne si trovano a raccomandare on line il proprio ex fidanzato, per aiutarlo a mettersi nuovamente «sul mercato». E a sbarazzarsi dell’anello di fidanzamento mettendolo all’asta su eBay. La solidarietà femminile e i consigli da donna a donna prevalgono sulla gelosia e, proprio come se fosse un’auto usata o un vestito che non piace più, ecco il povero ex boyfriend schedato sui siti internet con tanto di foto e voto. Senza rancore. Con un po’ di sportività.
Ci sono database pieni di «curriculum» sentimentali di uomini già testati da altre donne. Con sigillo di garanzia. La folle idea nasce in America, con il sito www.greatboyfriends.com, e, neanche a dirlo, è stata subito clonata in versione italiana, su vari mercatini virtuali dell’usato. Nell’angolo del riciclo del sito www.leonardo.it, si trovano i più svariati annunci, corredati da «dritte anti lite» e da strizzatine d’occhio da parte delle ex fidanzate per conquistare il «lui» di turno e magari portarselo all’altare.
«Riciclo fidanzato storico. Il riciclo (che arreca a lato anche il codice di catalogo) è dotato di corpo statuario e carattere emotivo. Difetta di fantasia e tu, futura fidanzata, dovrai abituarti alle sue trasferte nel weekend con tutta la sua squadra di basket». O ancora, scorrendo tra gli annunci, si scopre che «il riciclo numero 10» è un ingegnere atletico, molto calmo, «perfetto per spostamenti di mobilio e per il trasporto delle casse di acqua». Descrizione sintetica ma utile, non c’è che dire, per inquadrare il tipo con cui si avrà a che fare. Ovviamente il gioco dell’usato sicuro vale anche al contrario. Sono parecchi gli uomini che propongono ad altri la ragazza con cui hanno da poco troncato. Alvaro mette sulla piazza la ex con qualche consiglio: «È una perla rara, ama viaggiare, ha un’auto e una casa quasi di proprietà. Tende ad essere aggressiva all’inizio della relazione ma poi sa investire tutta se stessa nella storia». Spulciando tra la miriade di proposte, si trova anche una «sorpresina» per il sopra citato Alvaro. La sua ex dolce metà lo mette all’asta, con stoccata vendicativa: «È stato usato una sola volta, tende alla calvizie, incipiente pancetta, poco comunicativo. Astenetevi se aspirate a una regolare vita sessuale».
Tanti gli annunci anche per liberarsi dell’anello di fidanzamento dimesso. C’è chi va in oreficeria a farselo valutare. E chi, sapientemente, lo rivende on line per quadagnarci un po’ di più. Su eBay si trova di tutto, per tutti i gusti e le tasche: dai solitari da 1,44 carati alle fedine pre matrimoniali. Dai 700 euro ai cinquemila. Certo, chi ha ricevuto un anello con il nome inciso all’interno, forse ha meno possibilità di piazzarlo, a meno che non trovi qualche omonima.
La fine di un amore, insomma, può essere un bel business. E magari anche una terapia per «esorcizzare» la delusione con la vendita. In un annuncio di una sposina tradita, si legge un preciso impegno con mamma e papà: «Se riuscirò a vendere la fede o l’abito del matrimonio, giuro che, almeno in parte, vi restituirò i soldi che avete speso per le mie nozze». Gli scampoli delle storie, delle promesse «eterne», dei giuramenti aprono altre storie, altre promesse. Via internet.