Al voto su internet le sette meraviglie del mondo moderno

Roma - Duemila anni dopo gli antichi greci, milioni di persone stanno prendendo parte oggi ad uno dei più grandi sondaggi della storia per eleggere le sette meraviglie del mondo moderno. Come spiega il Washington Post, questo nuovo sondaggio globale ha prodotto, attraverso oltre 28 milioni di voti espressi sul sito new7wonders.com dal 2001 ad oggi, 21 opere finaliste tra cui, il 7 luglio 2007, saranno scelte le sette meraviglie moderne.

Il progetto Lanciato dal regista svizzero Bernard Weber, l'elenco delle opere aspiranti conta tra le altre, la Grande Muraglia cinese, il Taj Mahal in India, l'Acropoli di Atene, il Colosseo e le Piramidi di Giza, unico monumento ancora esistente, già incluso tra le sette meraviglie dell'antichità. Come sempre non sono mancate le polemiche di chi giudica l'iniziativa inutile e commerciale, altri ancora ne hanno invece difeso l'impegno nel proteggere il patrimonio dell'umanità.

Le sette meraviglie del mondo antico Nel 200 a.C. Filone di Bisanzio propose una lista dei più famosi monumenti del tempo, che passarono alla storia come "le sette meraviglie del mondo": la piramide di Cheope a Giza, il tempio di Artemide ad Efeso, il faro di Alessandria, il mausoleo di Alicarnasso, la statua di Zeus a Olimpia, il Colosso di Rodi e i giardini pensili di Babilonia. Oggi si vota su internet.