Il vulcano Merapi torna a far paura

Una nuova eruzione più violenta di quella avvenuta a inizio settimana fa scattare di nuovo l'allarme in Indonesia

Il vulcano indonesiano Merapi, che martedì scorso aveva causato la morte di 34 persone, è entrato di nuovo in eruzione nella notte fra venerdì e sabato, provocando il panico fra i residenti della zona ma senza al momento provocare ulteriori vittime.
Secondo i testimoni si tratta di un'eruzione più violenta di quella avvenuta all'inizio della settimana; gli sfollati sono ancora 50mila, la maggior parte ospitati nella località di Yogyakarta, la città principale della zona situata a 25 chilometri dal vulcano. Il Merapi è un vulcano dal ciclo di attività piuttosto breve, con un'eruzione ogni quattro o cinque anni: dal XVI secolo ad oggi sono state registrate una settantina di eruzioni, alcune molto violente come quella che nel 1930 provocò 1.400 morti.