Vw, piano esuberi da un miliardo

da Berlino

I tagli di personale previsti dalla Volkswagen potrebbero costare alla casa tedesca oltre un miliardo. A riferirlo è il settimanale Der Spiegel. In un’anticipazione al numero in edicola oggi, la rivista precisa che la metà di tale somma servirebbe per le liquidazioni promesse ai lavoratori che accettassero di andar via. Vw intende offrire a circa 85mila dipendenti in Germania somme fino a 250mila euro nel caso dovessero accettare di lasciare il lavoro. L’azienda, tuttavia, ritiene che la proposta potrà essere accolta tutt’al più da 4mila lavoratori. Ciò a causa del fatto che le fabbriche si trovano per lo più in regioni economicamente non molto sviluppate, dove non vi sono tante speranze di trovare un altro posto. Volkswagen pensa infine di «prestare» ad aziende fornitrici gli addetti in eccesso con l’impegno di versare la differenza tra il nuovo stipendio e quello attualmente percepito.