Walcott a 16 anni vale 18 milioni

da Londra

Diciotto milioni di euro per un ragazzino di 16 anni che non può nemmeno firmare un contratto da professionista. L'Arsenal non ha badato a spese per acquistare Theo Walcott, teen-ager prodigio che si è messo in evidenza con la maglia del Southampton stregando tutte le big della Premiership. Il baby campione compirà 17 anni il 16 marzo: solo a quel punto potrà sottoscrivere un contratto triennale con il suo nuovo club. Per una volta, l'Arsenal è riuscito a vincere una sfida di mercato con il ricchissimo Chelsea di Roman Abramovich. Anche i blues avevano messo gli occhi sul giovane calciatore, sognato anche da Manchester United, Tottenham e Liverpool. L'interesse dei grandi club ha fatto la fortuna del Southampton. I Saints vivacchiano a metà della classifica della Championship, la serie B inglese. Adesso, però possono pensare a costruire una squadra in grado di tornare presto nell'élite del calcio inglese. Il Southampton, in realtà, qualche mese fa avrebbe accettato di far partire il talentuoso adolescente per 5 milioni di sterline (7,5 milioni di euro). Rilancio dopo rilancio, però, l'asta è decollata e il prezzo è schizzato a 12,5 milioni di sterline: al cambio, oltre 18 milioni di euro.
Walcott, che ieri è stato presentato ufficialmente, per ora non risente dell'etichetta con cui arriva a Londra. Nessun minorenne, finora, è stato pagato tanto. «È una giornata strana», ha detto il giovane a London Colney, il centro d'allenamento dell'Arsenal. «Nel mio nuovo club avrò la possibilità di giocare accanto a calciatori di livello mondiale. Non vedo l'ora di conoscere i miei nuovi compagni e di cominciare ad allenarmi. Nonostante tutto, sono un po’ triste: lascio tanti amici a Southampton, con me porterò ricordi straordinari». Wenger non vede l'ora di plasmare il neoacquisto. «Ha enorme talento - dice il manager francese -, può ricoprire più ruoli e darà un contributo importante».