Wall Street in altalena

Giornata altalenante a Wall Street che ha avviato le contrattazioni all’insegna dei ribassi, per poi virare in territorio positivo dopo la pubblicazione del dato relativo alle vendite di nuove case e tornare in calo alla fine, influenzata dagli alti prezzi petroliferi. A mezz’ora dalla chiusura, a New York il Dow Jones perdeva 71,72 punti (meno 0,68%) a quota 10447,86 mentre il Nasdaq cedeva 6,04 punti (meno 0,28%) a quota 2131,21. In calo anche lo S&P 500 che indietreggiava di 6,07 punti (meno 0,50%) a quota 1211,52 punti. A Francoforte Deutsche Post ha archiviato la seduta in netto ribasso con una perdita del 2,32 per cento. A Parigi Vinci ha concluso la seduta in grande spolvero (più 2,48%) sostenuta da indiscrezioni di stampa che la vorrebbero come unica candidata alla vittoria della partita Autostrade del Sud della Francia, in corso di privatizzazione. Ha concluso la seduta in vetta al listino di Londra (meno 0,47%) Centrica (più 3,08%). Crolla Dixons (meno 4,28%).