A Wall Street crolla Unisys

La nomina di Ben Bernanke alla guida della Fed ha ridato tono a New York che ieri è riuscita a conservare il vantaggio iniziale, di poco superiore all’1%. Positivi anche gli automobilistici, con Ford che cresce del 2% e DaimlerChysler del 2,1 per cento. Irregolari i titoli tecnologici, con Computer Sciences in crescita del 12,5%, mentre crolla Unisys, ai minimi da 14 anni, con un ribasso superiore al 10%. Il frazionamento in quattro società di Cendant non è stato accolto favorevolmente dal mercato e il titolo ha chiuso in ribasso del 2,5 per cento. Progressi superiori all’1% nelle principali piazze europee. A Francoforte in evidenza Deutsche Post (più 2,7%) e Deutsche Boerse, mentre in controtendenza Adidas Salomon, che è arretrata del 2,6 per cento. Nei titoli dell’auto, in crescita DaimerChrysler, sulla scia del rialzo a Wall Street. Positivo andamento a Parigi per Arcelor (più 3%), mentre a Londra ancora in tensione i minerari, con rialzi superiori al 3 per cento.