Washington: Niente armi russe alla Siria

Washington. L’ipotesi di uno «scudo» difensivo russo in Siria agita gli Stati Uniti. L’annuncio diffuso da Mosca sulla fornitura di nuove armi a Damasco, e in particolare di sistemi missilistici, «preoccupa» Washington. «Queste forniture non dovrebbero andare avanti - ha detto il portavoce del dipartimento di Stato, Robert Wood - poiché non contribuiscono alla stabilità nella regione» mediorientale. Il presidente siriano Bashar al Assad era stato nei giorni scorsi in Russia per trattare l’acquisto di armi e missili e offrire il proprio Paese come base per l’installazione di uno «scudo» russo analogo a quello che Washington realizzerà in Europa Centrale.