Washington sull'Italia:"Se cambia il governorestano i problemi"

Il presidente del Consiglio Ue Van Rompuy promuove l'Italia: "Il governo sta facendo un buon lavoro". Gli Usa: "Se cambia l'esecutivo, non cambiano i problemi". <strong><a href="http://www.ilgiornale.it/fotogallery/tribute_in_light/gallery=3496-foto=... target="_blank">Le proteste dei no-global</a></strong>

"Non si può paragonare l’Italia alla Grecia". Con queste parole il presidente del Consiglio Ue, Herman Van Rompuy, ricorda che "l’Italia ha un'economia forte, ma devono stare molto attenti e devono attuare tutto ciò che hanno promesso. Questa è una questione di credibilità. La credibilità è cruciale per l’Italia in questi giorni".

Rispetto alla Grecia nel nostro Paese "c’è un problema completamente diverso" e soprattutto "penso che il governo italiano stia facendo un buon lavoro con dure misure, misure di bilancio, misure che rafforzano la competitività dell’economia italiana. Abbiamo già concordato una settimana fa che la Commissione europea può monitorare l’attuazione degli impegni presi dal primo ministro italiano al Consiglio europeo della settimana scorsa, è possibile che anche il Fondo monetario internazionale seguirà molto attentamente l’attuazione del programma".

Del resto anche "se ci sono cambiamenti di governo non cambiano i problemi del Paese". A mettere a tacere le opposizioni, i malpancisti, i frondisti e il Terzo Polo - tutti uniti nel chiedere le dimissioni di Berlusconi e il cambio della guardia - è Ben Rhodes, uno dei consiglieri del presidente Usa. Dal G20 di Cannes, dove sono riuniti i capi di Stato e di governo dei paesi più industrializzati, arriva dunque un monito a continuare sulla strada dello sviluppo, della crescita e del mantenimento degli impegni presi dall'esecutivo italiano con Bruxelles. Ma a rispettare questi stessi impegni dovrà essere il governo in carica.

Il messaggio di uno dei consiglieri di Barack Obama è chiaro su questo punto. Alla domanda se gli Usa siano preoccupati da un eventuale caduta del governo Berlusconi, Rhodes ha dichiarato: "Per l’Italia vale il discorso della Grecia. Se ci sono cambiamenti di governo non cambiano i problemi del Paese".

Anche il presidente francese Nicolas Sarkozy ha espresso fiducia nei confronti dell'esecutivo e dell'economia italiana, considerata "una delle più forti del mondo". "Abbiamo sentito Tremonti, Lagarde, Baroin, il presidente della Commissione europea", ha dichiarato Sarkozy, che poi ha aggiunto: "Ho fiducia nell’economia italiana che è una delle più forti al mondo, è la terza in Europa e la settima o l’ottava nel mondo, c’è una tradizione imprenditoriale notevole. Berlusconi ci ha indicato i risultati della riunione di ieri del governo e ne abbiamo preso nota. Ma lui stesso sa bene che la questione non è il contenuto del pacchetto, ma che questo pacchetto sia attuato. Occorre lavorare con le autorità italiane e lo stiamo facendo, perché, dice Sarkò, occorre dare "un messaggio di credibilità al mondo intero: l’eurozona è decisa a fare il suo dovere".

Intanto i leader dell'Eurozona si incontreranno nuovamente oggi, a margine del summit del G20 a Cannes. Lo ha fatto sapere un funzionario europeo, aggiungendo che al meeting parteciperanno i leader di Francia, Germania, Italia e Spagna, insieme con i rappresentanti di Banca centrale europea, Unione europea e Fondo monetario internazionale.