Dal web al cinema, lo sconosciuto diventa star

Nuovi modi di far carriera: Guglielmo Scilla, 23 anni, ha aperto un (cliccatissimo) canale su YouTube. E Boldi lo ha chiamato sul set

da Giffoni (Salerno)

Al festival di Giffoni arriva Willwoosh con i realizzatori di Freaks! e il risultato è centinaia di ragazzini in delirio. Ma per capire questo nuovo fenomeno, nato sul web e dalle dimensioni incredibili, forse è meglio iniziare dando qualche numero: Willwoosh è il nome su Internet del romano Gugliemo Scilla, 23 anni, nuova icona giovanile con un proprio canale su Youtube, chiamato GuTube, che è quello con il maggior numero di iscritti in Italia (176.343) con la bellezza di più di mezzo milione di visualizzazioni per ogni video caricato dove Scilla si diverte a fare se stesso con monologhi intervallati dall’interpretazione (con veloce cambio di parrucche) di peculiari caratteri giovanili, un po’ alla Carlo Verdone prima maniera. Naturalmente anche la sua pagina su Facebook è da record con quasi 300mila fan così come è stata molto seguita la trasmissione A tu per Gu che Linus ha voluto per Radio Deejay. Pochi mesi fa, insieme ad alcuni amici tutti romani, si è inventato Freaks!, la serie per il web un po’ horror e un po’ thriller ispirata all’inglese Skins e all’americana Heroes, che ha immediatamente catalizzato centinaia di migliaia di internauti.
Così con gli amici Claudio Di Biagio (regista, 22 anni nome d'arte «Non aprite questo tubo»), Giampaolo Speziale (musicista, 24 anni), Matteo Bruno (montatore, 22 anni soprannome «Canesecco»), Willwoosh è diventato un divo del web (in preparazione c'è già la seconda delle tre serie previste di Freaks!, in rete da inizio 2012 e forse poi anche in tv) cosa che gli consentito il grande salto cinematografico, debuttando come attore nel recente Una canzone per te di Herbert Simone Paragnani. Ora ha appena finito di girare Matrimonio a Parigi di Claudio Risi con Rocco Siffredi, Massimo Ceccherini e, soprattutto, Massimo Boldi che, proprio su Il Giornale, ha definito il film «un cinetorrone» perché uscirà ben prima di Natale, il 21 ottobre con Medusa.
«Qualcuno dei miei fan mi ha insultato - svela Gugliemo Scilla - perché ha detto che mi sono venduto. Non capisco come posso aver deluso qualcuno se seguo il mio sogno che è quello di fare l’attore. Ma anche se i miei riferimenti comici sono più vicini a personaggi come Carlo Verdone, Jack Black o Eddie Murphy, perché mi piace trasformarmi in vari personaggi come loro, per me è stato un vero onore lavorare con Massimo Boldi».