Air Sex: lo sport che ha stregato gli Stati Uniti

Concepita in Giappone, è annoverata tra le discipline più bizzarre e, già dal nome, lascia intendere come il titolo sia assolutamente meritato. A metà strada tra l'attività sportiva e la performance teatrale, l'Air Sex raccoglie ogni anno migliaia di appassionati in giro per gli Stati Uniti

Si chiama Air Sex e sta diventando uno degli sport più bizzarri e apprezzati degli Stati Uniti. Il perché della repentina fama si può evincere già dal nome: infatti, si tratta di una divertente quanto irriverente disciplina, in cui lo scopo primario è quello di simulare atti sessuali in solitaria, completamente vestiti e davanti a una platea pronta a giudicare la stravagante performance amorosa.

Nonostante sia diventata un'attività sportiva di culto in America da oltre dieci anni, anche grazie al crescente numero di adesioni alle tantissime competizioni che si tengono in giro per il Paese dal 2007, l'Air Sex nasce in Giappone e consiste in una routine strutturata e ragionata di un rapporto sessuale, in molti casi accompagnata da musiche adatte a creare la giusta atmosfera e ad aiutare i performer a dare il meglio di se stessi, nella rappresentazione fedele di fantasie e desideri carnali. Erotismo dunque, ma anche una vasta gamma di sentimenti ed emozioni si susseguono in una danza fatta di movimenti, gemiti e sussurri davanti a platee entusiaste e curiose di esplorare un aspetto della mentalità umana ancora non del tutto conosciuto. Punto di riferimento per uomini e donne, appassionati e curiosi, tra i più seguiti e in grado di richiamare accoliti da ogni stato a stelle e strisce sono i due appuntamenti mensili che si tengono ad Austin, in Texas, al The Alamo Drafthouse; al già notevole calendario, si aggiunge un'altra ventina di gare con cadenza annuale.

Dissacrante e sopra le righe, questa coinvolgente teatralizzazione del sesso, scevra di limiti e barriere mentali, è diventata anche la protagonista di un documentario intitolato “Air Sex - The Movie”, realizzato dal comico e presentatore del campionato Chris Trew; come lui stesso ha raccontato ad AL.com, il principio su cui si basa la disciplina è quello di mostrare il lato più giocoso, divertente e coinvolgente del sesso, esplorandolo come in una reale performance artistica. «Il mondo prende il sesso troppo seriamente, giusto? - spiega - È proprio questa una delle ragione per cui ci piace fare così tanto questi spettacoli. Percepiamo il sesso come volgare, imbarazzante, strano o divertente: lasciamoci andare alla fantasia e mostriamolo in uno spettacolo dai toni comici».