Lo studio degli psicologi: "Coppie più felici se parlano dei 'bisogni' senza vergogna"

Gli psicologi raccomandano alle coppie di parlare di tutto ciò che li mette in imbarazzo. I bisogni corporali hanno i loro momenti della giornata che se non vengono rispettati causano solo tensioni

Con il proprio partner bisogna parlare di tutto, ma proprio tutto, anche cioè di quelle cose che più fanno imbarazzare come la pupù: parola di psicologo.

Bisogna essere in grado di parlare dei propri bisogni corporali con la persona che più ci rende felice. Secondo gli esperti, far conoscere al proprio partner alcune cose intime potrà fare solo del bene alla relazione. Molte persone, invece, sono troppo pudiche sull'argomento e non riescono a lasciarsi andare, questo però, causa delle tensioni nella coppia.

Il discorso sui bisogni corporali non deve necessariamente essere minuzioso e nemmeno deve mettere in imbarazzo. Questo tipo di dialogo deve permettere alla coppia di conoscersi "visceralmente": i partner devono riconoscere e rispettare i tempi e il momento che il proprio amato dedica al bagno. In questo modo, si eviteranno incomprensioni, nervosismi e imbarazzo inutile.

Ogni volta che si esce dal bagno non bisogna cercare di camuffare l'odore con profumi nè bisogna farsi venire il mal di pancia quando occorre fare i bisogni corporali. Bisogna essere liberi di dirsi: "Amore, ora vado in bagno e ci starò dentro qualche minuto perché davo fare la pupù". Tutti hanno bisogno di espellere il cibo e nessuno deve sentirsi in soggezione o deve inventare delle scuse per farlo tranquillamente.

Gli psicologi raccomandano di parlare liberamente con il proprio partner perché solo in questo modo i rapporti dureranno nel tempo. "Tra due persone deve esserci sintonia e nessun tipo di imbarazzo. Chi si ama sa condivdere tutti i momenti della vita con il proprio compagno. Parlate dei vostri bisogni corporali non state facendo del male a nessuno. State facendo quello che la natura impone di fare".