Per far carriera fate sesso con i piani alti

Gabrielle McMullin, nota chirurga vascolare di origine australiana, ha lanciato una provocazione consigliando alle giovani studentesse di accettare le avance dei capi per fare carriera in modo rapido

Gabrielle McMullin, celebre chirurga australiana, ha esternato una sua teoria legata alla ricerca del successo femminile scatenando polemiche e ire. Secondo la donna è bene concedersi ai piani alti, quindi acconsentire a richieste di tipo sessuale da parte dei superiori, così da scalare rapidamente livelli e graduatorie per raggiungere il successo. La nota chirurga vascolare si è affrettata a specificare come la sua fosse solo una battuta, una visione realistica della società moderna, ma ciò non è bastato a placare il putiferio derivato dall'affermazione.

Se volete fare carriera, dovete essere disposte ad acconsentire anche a qualche richiesta sessuale

La frase incriminata è emersa durante un'intervista radiofonica rilasciata alla ABC, durante la quale la donna aveva presentato il suo ultimo manoscritto. La sua voleva essere una provocazione per evidenziare come le proposte sessuali siano sempre più presenti e incalzanti, in particolare nei confronti delle nuove leve spesso ossessionate da avance continue. Il sessismo, come sottoliena la chirurga, è una realtà tristemente molto diffusa tra i suoi colleghi di sesso maschile e molto spesso contrastare le richieste di natura sessuale finisce per incidere sulla carriera delle giovani studentesse. Come se difendere la propria integrità fosse una macchia sulla carriera, non un sinonimo di correttezza professionale e morale.

Quello che cercavo di dire è che, se si avvicinano a te con un approccio di questo tipo, la cosa più sicura da fare per la tua carriera è acconsentire

Nonostante la donna si fosse comunque affrettata ad aggiustare il tiro, esplicando nel dettaglio la sua teoria, molte associazioni e organizzazioni contro gli abusi sessuali si sono scagliate nei confronti delle parole pesanti. A fronte anche dell'esperienza personale di Caroline Tan, giovane dottoressa vittima di violenza sessuale da parte del chirurgo che la supervisionava, storia raccontata durante lo stesso programma radiofonico. La dottoressa ha quindi aggiunto di essere fermamente contraria alla violenza tipo sessuale, ma non ha chiesto scusa per le sue affermazioni. Specificando come il suo fosse un quadro realistico della società attuale, della mancanza di reale supporto nei confronti delle donne che subiscono abusi e richieste e aggiungendo come Caroline Tan:

Nonostante la vittoria in tribunale, non è riuscita ad ottenere il posto. La sua carriera è stata rovinata per colpa di questo uomo che ha chiesto di fare sesso una sola notte. Realisticamente avrebbe fatto meglio ad accettare [...] È una verità, le donne che escono allo scoperto, che denunciano, non vengono supportate. Le loro carriere vengono compromesse. È questo il problema: non ho detto di accettarlo, ho solo suggerito una possibile soluzione