Italiane messe a nudo: ecco le fantasie bollenti nascoste al partner

Un italiano su tre spesso ha fantasie erotiche, ma non ne parla con il proprio partner per il timore che il rapporto possa cambiare

Sogni e fantasie bollenti, celati per pudore e paura. Un italiano su tre spesso ha fantasie erotiche, ma non ne parla con il proprio partner per il timore che il rapporto possa cambiare. E quando si trova il coraggio di raccontare le proprie fantasie, a farlo sono soprattutto gli uomini.

"Delle 500 persone che abbiamo coinvolto nel sondaggio tutte hanno avuto almeno una volta una fantasia erotica, ma nella maggior parte dei casi non l’hanno mai rivelata al partner - afferma la presidente dell'Eurodap, Paola Vinciguerra - Il dato importante che dà lo spunto ad una serie di riflessioni è che un intervistato su tre, sia tra gli uomini sia tra le donne, ha spesso fantasie erotiche, ma in generale ne parla raramente con il partner". Risultato? Silenzi, incomprensioni, malumori. A farli emergere è un sondaggio dell’Eurodap che dimostra come al giorno d'oggi la coppia entri in crisi soprattutto per problemi che riguardano la sfera sessuale. "Ma la buona notizia - spiega l’esperta - è che un grande aiuto per questa parte della vita appiattita dalla routine, dalla monotonia, dallo stress, dal cambio velocissimo nel modo di comunicare tra le persone con l’uso sfrenato e alienante di smartphone e di tablet al primo posto, sono proprio le fantasie erotiche".

Le fantasticherie non vanno ritenute pericolose. E, soprattutto, non bisogna avere paura di parlarne al proprio partner. Sono, anzi, un mezzo per conoscere meglio il proprio immaginario e se stessi, e per farsi conoscere. Secondo gli esperti dell'Eurodap, è importante che le fantasie erotiche vengano "prima accettate e comprese da noi stessi, per poi condividerle anche con i nostri partner". Ecco perché, in questo periodo in cui al botteghino trionfano le Cinquanta sfumature di grigio, l’esperta suggerisce una serata al cinema. Insomma, Cinquanta sfumature di grigio andrebbe visto soprattutto da quelle coppie che si sono un po' addormentate dal punto di vista sessuale. "Nel film - fa notare la Vinciguerra - la componente erotica è fortissima e può essere lo spunto per parlare della propria situazione di coppia rispetto al sesso. Non bisogna avere paura di parlare e comunicare al proprio partner un desiderio sessuale. La comunicazione e la condivisione sono importantissime". Secondo l’esperta, "bisogna fantasticare, perché anche le fantasie erotiche stimolano l’emotività. Abbiamo così modo di sperimentare emozioni. Esplorare sensazioni, pulsioni e desideri. Il tutto per sconfiggere la routine e la linea piatta sul versante sesso che spesso si stabilisce in un rapporto di coppia". E rischia di farla addormentare.