L'orso polare più triste del mondo

L'immagine di un orso polare denutrito e tristemente ferito ha colpito Facebook, con una condivisione virale dello scatto, puntando quindi l'attenzione sulle condizioni di questi animali

Pixabay

Un'immagine straziante quella di un orso polare femmina immortalata dalla fotografa naturalista Kerstin Langenberger, presso le isole Svalbard al Circolo Polare Artico, e riportata sul Daily Star. L'animale dal manto bianco è apparso magrissimo e ferito a una zampa, mentre era intento a cacciare un tricheco per nutrire i suoi cuccioli. Ma la condizione di disagio e disperazione dell'orsa, l'estrema magrezza segno di vera denutrizione, sottolineano come i cambiamenti climatici stiano uccidendo l'ecosistema di alcune zone del pianeta terra.

Questi esemplari, soliti mangiare foche e pesce, ora sono costretti a nutrirsi di uova di uccello, alghe e muschio. Le femmine spesso perdono uno dei cuccioli perché impossibilitate a nutrire entrambi. L'immagine della mamma orsa dall'aria deperita è stata pubblicata via Facebook ed ha ricevuto una condivisione rapida e massiccia. Secondo il governo norvegese, dal 2004 la zona è popolata da circa 3.000 orsi polari.

Mentre il ricercatore Ian Stirling, in forze presso l'Università di Alberta in Canada, è certo che l'immagine diramata non sia rappresentativa delle reali condizioni degli orsi polari delle Svalbard. L'esemplare in questione potrebbe essere semplicemente vecchio e quindi in forte difficoltà nel procacciarsi il cibo, per questo incapace di buttarsi in acqua a causa della zampa rotta. Secondo lo studioso è importante non divulgare uno scenario sbagliato, anche se da tempo le immagini dello scioglimento rapido dei ghiacci stanno facendo il giro del mondo.

For tourists and wildlife photographers, the main reason to come to Svalbard is to see polar bears. And yes, usually we...

Posted by Kerstin Langenberger Photography on Giovedì 20 agosto 2015