Messo alla porta dal proprio gatto

Un gatto mette alla porta i suoi padroni: è stato necessario l'intervento delle forze dell'ordine perché una famiglia potesse rientrare in casa in barba al felino arrabbiato

I gatti sono animali misteriosi e a volte è davvero difficile comprendere i loro comportamenti. Ma quello che è accaduto a un uomo e alla sua famiglia a Stamford, nel Connecticut, ha dell'incredibile.

Un uomo è stato infatti letteralmente messo alla porta dal proprio felino: il suo animale domestico, molto arrabbiato, gli ha impedito di rientrare in casa, e non solo al proprietario ma a tutta la sua famiglia. Forse l'umore del felino, che in realtà era una gatta, era dovuto al recente parto: pochi giorni prima, la gatta aveva avuto un cucciolo e forse l'atteggiamento era dovuto a una sorta di istinto di protezione del nido. Fatto sta che l'uomo ha dovuto chiamare il 911, il numero che negli USA è quello deputato alle emergenze, per poter rientrare in casa.

«Io e mia moglie non possiamo entrare in casa da circa tre-quattro ore»: ha spiegato l'uomo, il cui nome non è stato diffuso, al numero d'emergenza, come riporta Metro. Chi ha ricevuto la chiamata si è mosso a compassione, tanto da inviare le forze dell'ordine locali per permettere alla famiglia un nuovo accesso in casa. L'allarme è rientrato e al momento non ci sono conseguenze per il proprietario, che è stato graffiato e morso alla gamba, né per la sua gatta, che si è calmata.