"Mi hanno fatto nascere senza il mio consenso". E fa causa ai genitori

Un 27enne indiano, sostenitore della causa degli antinatalisti, vuole fare causa contro i genitori

Un ragazzo di 27 anni ha dichiarato di voler far causa ai propri genitori perché lo hanno fatto nascere contro il suo consenso. Surreale, paradossale e assurdo. Già, ma è il "nonsense" sostenuto Raphael Samuel, un giovane avvocato indiano che non aspetta altro che portare la madre e il padre in un'aula di tribunale.

"Non hanno chiesto il mio consenso quando mi hanno fatto nascere e hanno anteposto la loro felicità ai miei diritti", protesta il 27enne, sostenitore in prima linea della folle causa degli antinatalisti, secondo i quali i genitori non avrebbero il diritto di mettere al mondo una creatura senza il consenso del diretto interessato. Come chiederglielo, però, rimane un mistero...

La cosa ulteriormente strana è che il legale racconta di avere un ottimo rapporto con loro: "Li amo, ma so che mi hanno messo al mondo per la loro felicità. La mia vita è fantastica, ma non vedo perché dovrei dare la vita a qualcuno costringendolo a farsi un'istruzione, a cercare un lavoro e a pagare le tasse, senza che mi sia stato dato un permesso dal diretto interessato", le parole dell'antinatalista riportate anche dal britannico Mirror.

Commenti
Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Mar, 05/02/2019 - 18:06

QUESTA PROPRIO CI MANCAVA

frapito

Mar, 05/02/2019 - 19:17

I genitori non gli hanno chiesto il consenso perché non era in condizioni d'intendere e di volere, e sicuramente ancora non lo è.

Ritratto di Giano

Giano

Mar, 05/02/2019 - 20:25

Certo che, vedendo come sono venuti certi figli, molti genitori, potendo, tornerebbero indietro e rinuncerebbero a farli nascere.

cgf

Mar, 05/02/2019 - 20:47

questo ha bevuto troppo, non vorrei mai averlo come avvocato.

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 06/02/2019 - 09:00

camicia di forza a vita. questo è pericoloso