Pene piccolo: parlano gli uomini

Si è tenuta a Londra la prima festa dedicata agli uomini dal pene piccolo: un evento per esorcizzare le paure e per rivendicare con orgoglio delle dimensioni tutt'altro da record. E a parlare sono gli stessi partecipanti.

Metro

Le dimensioni non sempre contano. Ha avuto luogo nel Regno Unito la prima festa dedicata agli uomini dal pene piccolo, così come annunciato qualche settimana fa. Un evento per accrescere la consapevolezza sulle dotazioni maschili reali, per riportare autostima e per rivendicare con orgoglio delle lunghezze tutto sommato modeste. E mentre proprio in questi giorni viene pubblicata la media mondiale dei genitali maschili, con tanto di nazioni raggruppate per colori, 100 uomini in quel di Londra celebrano i loro minuti traguardi.

La festa, dall'intento volutamente gioviale e ironico, ha coinvolto i partecipanti in performance artistiche, poesie dedicate alle ridotte dotazioni, comicità e tanto divertimento. Alcuni dei partecipanti hanno deciso di abbattare il muro della vergogna, così come anche le remore morali, per spiegare ai media la loro storia: vivere con un pene tutt'altro che da record non sarebbe poi così drammatico.

Mente il BUJ International Journal Of Urology svela come la media mondiale sia di circa 13 centimetri, poco più di 8 in stato di riposo, questi uomini per anni si sono dovuti confrontare con la paura di mostrarsi al partner o, più semplicemente, con il timore di condividere lo spogliatoio dopo una partita di calcetto. «Credo di aver certamente sofferto» - spiega un partecipante ai microfoni di BBC Newsbeat - «ho avuto poche partner e questo perché probabilmente non ho voluto porle in una situazione imbarazzante». E così molti colleghi: alcuni terrorizzati dalla possibilità di utilizzare gli orinatoi a muro, altri per anni in preda all'ansia addirittura nell'uscire di casa. L'evento ha voluto fornire un contesto a questi uomini per confrontarsi, per esorcizzare le paure e per confermare come la vita possa essere del tutto appagante anche con dotazioni ridotte. Tanto che, come riporta il Mirror, sembra che alcuni abbiano avuto anche il coraggio di mostrarsi nudi ai presenti.

Il party è stato organizzato lo scorso 7 marzo da Ant Smith, un uomo di 47 anni che tempo fa ha pubblicato online una simpatica poesia subito diventata virale. «Abbiamo avuto una grande varietà di partecipanti» - ha spiegato - «inclusi uomini di tutte le età e dimensioni. Ci sono stati uomini dal pene piccolo che hanno avuto il loro momento di relax. Un partecipante è addirittura arrivato dal Nord Italia specificatamente per la festa». Ora già si pensa alla seconda edizione.