Pitone di 5 metri trovato in un canale

Un pitone di circa 5 metri di lunghezza è stato rinvenuto morto mentre galleggiava nelle acqua di un canale nei pressi della cittadina inglese di Rishton nel Lancashire. La polizia ha avviato le indagini per scoprire la dinamica dei fatti

Incredibile ritrovamento quello avvenuto nei pressi della cittadina di Rishton nel Lancashire, in Gran Bretagna, un pitone reticolato o Malayopython reticulatus di circa 5 metri di lunghezza. Il corpo del rettile ormai deceduto è stato intercettato da un escursionista di passaggio, che ha provveduto ad avvisare le forze dell'ordine locali. Sul posto è accorso anche un professionista ed esperto di rettili, che ha circoscritto l'età dell'animale intorno ai 12-15 anni. Il rettile probabilmente ha vissuto alcuni giorni in totale libertà, prima di soccombere e morire nel canale accanto al Norden Bridge. Un esame post-mortem ha evidenziato la presenza di malattie respiratorie, forse la vera causa o una delle motivazioni del decesso dell'animale.

Come riporta Sky News la polizia sta indagando a 360 gradi per comprendere come un animale di questo formato sia finito in libertà, una situazione che avrebbe potuto volgere al drammatico. Un pitone di quel formato è un pericolo reale anche per l'uomo. La sua presenza allo stato brado potrebbe nascondere la violazione di una serie di leggi come specifica anche la Wildlife and Countryside Act and Animal Welfare Act, ovvero un insieme di leggi a tutela degli animali su territorio inglese. Per questo gli agenti hanno cercato di coinvolgere l'opinione pubblica, così da poter rilevare eventuali informazioni e dati importanti.

L'esemplare potrebbe essere semplicemente fuggito dal terrario di un'abitazione, per questo è importante risalire al proprietario così che possa evitare altre fughe. Ma anche aver subito un abbandono, azione magari replicabile a breve distanza di tempo. In questo caso la polizia invita gli eventuali colpevoli a rivolgersi a un centro di accoglienza per animali esotici, così da evitare pericoli per la popolazione locale ma anche mettere in salvo esemplari impossibilitati a vivere allo stato brado in una zona semi urbana. Divenendo un reale pericolo anche per le specie autoctone.