Produce peti in casa, compagna chiama la polizia

Un disguido tra partner si tramuta in un'accusa di polizia: una donna svedese, infatti, avrebbe chiamato gli agenti a seguito dei peti prodotti dal compagno, deluso per una notte di sesso mancata

Anche nelle coppie più rodate, non sempre la convivenza tra uomo e donna è delle più pacifiche. I battibecchi potrebbero essere all'ordine del giorno, anche per questioni molto basilari come la pulizia della casa, lo smaltimento dell'immondia o l'accudimento degli animali domestici. Ma se queste questioni non dovessero apparire sufficientemente banali, dalla Svezia arriva un caso davvero singolare, tanto da conquistare un'incredibile rilevanza sui social network. Sembra, infatti, che una donna abbia deciso di denunciare alla polizia il proprio compagno, per la produzione di maleodoranti peti.

La notizia, lanciata dal quotidiano regionale Hallandsposten e ripresa da The Local.se, spiega come una donna si sia rivolta alle forze dell'ordine per gli sgraditi peti prodotti dall'uomo che stava frequentando. A quanto pare, la vittima della nauseante esposizione olfattiva sostiene come l'uomo abbia rilasciato flatulenze di proposito, per vendetta a seguito del rifiuto a una notte sesso: scemata la passione, il partner si sarebbe allontanato dall'appartamento, non prima della singolare rivincita. "C'era una forte puzza nell'appartamento", avrebbe spiegato la donna presso la centrale di polizia di Laholm. Al momento, le generalità dei due protagonisti non sono state rese note, per questioni di privacy, mentre la notizia è diventata virale sulle piattaforme Facebook e Twitter.