Tatuaggi al pene: scoppia la moda

Nuova moda in fatto di tatuaggi: spopola il desiderio di incidere e decorare il proprio pene. Una scelta che spesso di scontrerebbe con il diniego di molti esperti del settore

Pixabay

Nuovo trend in campo tatuaggi: da qualche tempo spopolerebbe la moda dell’inchiostro artistico sul pene. Una scelta creativa non sempre avvallata dagli stessi tatuatori e dai medici, che lo sconsigliano per il grande dolore durante la realizzazione. Non esisterebbero vere e proprie controindicazioni e non si sarebbero mai registrate conseguenze legate alla funzione erettile: di certo, però, la zona è molto delicata e ovviamente sensibile, in particolare quella del glande.

Ma da qualche tempo la voglia di spingersi oltre, di ridefinire con un tatuaggio anche spazi più intimi ha preso fortemente piede. E se il desiderio è forte, la possibilità di osare spesso si scontra con il diniego di molti professionisti del settore, non sempre propensi a tatuare il pene. La difficoltà nel decorare la pelle del membro è legata alla delicatezza dello stesso, alla presenza di molte terminazioni nervose che rendono la superficie molto sensibile. Solitamente i pochi che si sottopongono alla pratica possiedono una soglia del dolore molto alta e, tendenzialmente, glande e prepuzio sono zone off-limits.

Un articolo proposto da Vice dimostrerebbe come anche in Usa sia complicato trovare un professionista disposto a tatuare il pene, inoltre i pochi disponibili a farlo sembra richiedano una tassa supplementare. Solitamente la pratica avviene in assenza di erezione, che renderebbe il procedimento più difficile da attuare e il dolore più acuto. Infatti durante l’erezione il pene è maggiormente sensibile agli stimoli, quindi la presenza degli aghi potrebbe rivelarsi insostenibile. Inoltre la pelle di un membro flaccido è più facile da gestire durante l'incisione. Di sicuro il meccanismo mentale che si aziona è molto forte, l’idea di un tatuaggio in una zona così privata e delicata può creare un po’ di imbarazzo. E nonostante non sia un procedimento difficile, può comunque produrre un certo fastidio, proprio per l’estrema sensibilità della parte in questione.