WELBY È MORTO, EUTANASIA È FATTA

Mario Riccio, medico del 60enne Piergiorgio Welby, affetto da quasi 40 anni da distrofia muscolare, ha ammesso di aver aiutato il suo paziente a morire staccando la spina del respiratore che lo teneva in vita. Il decesso è avvenuto alle 23.40 di mercoledì. Il sanitario rischia ora una condanna fino a 15 anni per omicidio del consenziente. Contrastante la reazione della politica, con la sinistra dilaniata e la dl Binetti che chiede le dimissioni del ministro radicale Bonino. Il Vaticano: «Una messa per perdonare chi lo ha ucciso».