Dal western in salsa bolscevica al «Sole ingannatore» da Oscar

Nikita Mikhalkov è nato a il 21 ottobre 1945 a Mosca. Inizia recitando nel film del fratello regista per poi girare il suo primo lungometraggio Amico tra i nemici, nemico tra gli amici (’73), un western ambientato durante la guerra tra bianchi e bolscevichi. Con Schiava d'amore (’75) si fa notare fuori dai confini della patria. Il film successivo Partitura incompiuta per pianola meccanica (’76) è un riuscito ritratto della borghesia russa alla fine del XIX secolo. Nel ’79 porta sullo schermo il capolavoro di Goncarov, Oblomov. In Italia gira Oci ciornie (’87) con Mastroianni. Dopo Urga (’91) premiato con il Leone d'oro, realizza il suo capolavoro Sole ingannatore (’94), Oscar come miglior film straniero. Mikhalkov è in concorso alla prossima Mostra di Venezia con il film 12.