Wider "Progetto dell’anno", debutto e premio in Slovenia

Al salone "Internautica di Portorose". E dopo la tappa nel Principato
di Monaco l’imbarcazione sarà
spedita negli Stati Uniti, un tour
da Miami fino ai Grandi Laghi

La «bella di giorno» mette in bacheca il primo premio della sua breve esistenza. Presentata in anteprima mondiale a Rapallo nell’aprile scorso, «Wider 42’» ha attraversato l’Adriatico per andare a «civettare» tra gli yacht grandi-firme esposti al 16° Salone «Internautica» di Portorose (Slovenia). Un colpo di fulmine per organizzatori e stampa internazionale. Che non hanno avuto dubbi sull’assegnazione del premio «Progetto dell’anno». L’ultima invenzione della premiata ditta Tilli Antonelli & Fulvio De Simoni ha inaugurato così la categoria dei wider cockpit proponendosi come open day-cruiser che si trasforma e si adatta alle esigenze più diverse. Barca «da giorno», come ama definirla il suo inventore, «Wider 42’» si allarga grazie a due estensioni laterali dello scafo tramite un sistema automatico brevettato, ottenendo una stabilità eccellente e grandi spazi a bordo. Soluzioni e apparecchiature sono all’avanguardia. A cominciare dal volante multifunzionale molto simile a quelli adottati dai bolidi di F1. Particolare attenzione anche nella scelta dei materiali, con l’utilizzo di fibra di carbonio ed Esthec, e all’energy saving: motori, forme e materiali sono in grado di garantire consumi contenuti e basso impatto ambientale. Il rapporto tra peso e potenza consente una velocità di punta a 53 nodi (40 di crociera) con appena 100 litri/h di carburante. Per la poppa sono disponibili due configurazioni: la prima prevede una moto d’acqua; la seconda prendisole e garage per un tender da 2,5 metri. Ma è possibile ottenere entrambe le configurazioni, ovviamente intercambiabili tra loro. «Io e tutto il team siamo felici di avere inaugurato a Portorose il percorso di promozione per Wider 42’ - dice Tilli Antonelli, presidente di Wider. È stata un’occasione molto importante per incontrare il grande pubblico e mostrare dal vivo tutte le caratteristiche innovative e le potenzialità di un prodotto senza precedenti che, sono sicuro, entusiasmerà gli appassionati. In Slovenia - aggiunge - ho notato molta attenzione e curiosità. Quello è un buon mercato, e altrettanto buoni sono stati i contatti». Ad esempio quelli con due armatori che vorrebbero a bordo dei loro 50 metri un paio di «Wider 42’» come tender, giocattolini da 750mila euro cadauno. «Il vero problema - dice ancora Antonelli - non è la lunghezza (13 metri, ma il peso. Forse studierò un progetto da 35-36 piedi’». Intanto, per l’intero prossimo week end, «Belle de jour» sfoggerà tutta l’arte della seduzione davanti al jet set del Principato di Monaco (Port Hercule), dove è in programma il Grand Prix di F1. Amabile suggerimento al team Ferrari: visita didattica, gratuita, a bordo - full immersion - per capire come si fa a stare davanti a Vettel... «Dalla Costa azzurra - conclude Tilli Antonelli - mi aspetto grandi risultati. Così come dai Caraibi e dalla Florida. A fine giugno, infatti, presenteremo la barca al mercato Usa proprio a Miami. Poi andremo in Georgia, a Long Island e infine nell’area dei Grandi Laghi che costituiscono una sorta di mare interno tra Stati Uniti e Canada». Infine la «prima» sulla Croisette, al Festival de la Plaisance di Cannes (quest’anno in programma dal 6 al 12 settembre, anticipato di un giorno a causa del G20), quindi Genova e Fort Lauderdale. Non resta neppure il tempo per l’ordinaria manutenzione dell’anima...