Wiki Loves Monuments, L'Emilia Romagna vince il contest e va in finale

La giuria internazionale assegna all’immagine del Casone Serrilla realizzata dal bolognese Vanni Lazzari nelle Valli di Comacchio il primo premio nazionale edizione 2015, quarto posto con l’interno della Biblioteca Civica di Rimini ritratta dal riminese Ivan Ciappelloni

Casone Serilla, Comacchio - Foto di Vanni Lazzari
Interno Biblioteca Civica Gambalunga, Rimini - Foto di Ivan Ciappelloni

L’Emilia Romagna si aggiudica l'edizione 2015 di Wiki Loves Monuments (www.wikilovesmonuments.it), il più grande photo contest al mondo dedicato ai patrimoni architettonici e paesaggistici locali, e accede alla finale assoluta.

Delle 294 finaliste Italia, preselezionate dalla giuria composta da esperti wikipediani e fotografi di fama internazionale come Franco Fontana, Settimio Benedusi e Uwe Ommer, tra le oltre 12.000 immagini caricate on line da 947 uploaders, la foto che si aggiudica il primo posto, realizzata dal bolognese Vanni Lazzari, raffigura Casone Serilla (Ferrara), vecchio e tipico casone utilizzato per la pesca dell’anguilla nelle Valli di Comacchio. Al quarto posto si piazza il "ritratto" di Ivan Ciappelloni del millenario patrimonio di sapere custodito nella Biblioteca Civica all’interno del Palazzo Gambalunga di Rimini, Ciapplloni è stato premiato anche dalla Fiaf, la Federazione Italiana Associazioni Fotografiche – per l'immagine più attinente al tema del legame tra monumenti e contemporaneità.

Al concorso il territorio regionale è stato rappresentato al concorso da oltre 1.000 scatti artistici-architettonici destinati a valorizzare attraverso internet i patrimoni locali che appartengono all’umanità, obiettivo principale di Wiki Loves Monuments. Il vincitore di Wiki Loves Monuments Italia si è aggiudaicato anche il primo posto del Premio speciale #WikiLovesViaEmilia, attivato all’interno di Wiki Loves Monuments. Il concorso, promosso da Wikimedia, associazione senza fini di lucro che opera nel settore della cultura e del sapere per la diffusione della conoscenza libera, ha coinvolto in contemporanea nel mese di settembre 40 Paesi nel mondo. Unione Prodotto Città d’Arte, Cultura e Affari e APT Servizi hanno fatto da regia all'iniziativa che ha aperto ai fotografi 667 monumenti e siti d’arte per la partecipazione a quello che è stato definito dal Guinness Book of Records il più grande concorso fotografico al mondo.

Sempre nell’ambito di Wiki Loves Monuments, due i contest speciali attivati in Emilia Romagna istituiti grazie alla collaborazione tra gli enti regionali APT, Mibact, l’Unione di Prodotto Città d’Arte, Cultura e Affari e Wikimedia Italia: il premio La memoria dei Luoghi, con l’obiettivo di documentare la conservazione dei luoghi colpite dal sisma del 2012 nelle province di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia; il Premio #WikiLovesViaEmilia con l'obiettivo di promuovere e valorizzare viralmente il patrimonio estetico a forte valenza identitaria della Via Emilia, antico asse viario che corre lungo la regione collegando Rimini a Piacenza, cha ha ispirato la promozione turistica regionale con il progetto Via Emilia Experience The Italian Lifestyle.
Ecco le foto vincitrici dei premi offerti dai partner tecnici Euronics e Canon. La memoria dei luoghi - Luca Monelli, San Felice sul Panaro. #WikiLovesViaEmilia - primo classificato: Vanni Lazzari, veduta di Comacchio (Ferrara); secondo classificato: Lugarex, Castello di Sarzano in inverno (Reggio Emilia); terzo classificato: Gianluca Moretti, Ponte di Tiberio di Notte, Rimini.

Con Wiki Loves Monuments l’archivio digitale fotografico regionale Open Data Monuments si arricchisce di altri 1060 scatti messo on line recentemente messo on line (con accesso dal sito www.cittadarte.emilia-romagna.it) che arriverà a breve a raccogliere oltre 8mila le immagini diqualità in rete riutilizzabili gratuitamente da istituzioni pubbliche, mezzi d’informazione e operatori economici.