Wikileaks Putin critica l’arresto di Assange

Il premier russo Vladimir Putin schiera la Russia nel caso Wikileaks e mette in dubbio la correttezza dell'arresto del suo fondatore Julian Assange, accusando l'Occidente di «ipocrisia». «Se si parla di democrazia, occorre che sia totale. Perchè Assange è stato messo in prigione? È questa la democrazia?» ha detto l'uomo forte di Mosca in una conferenza stampa. "Bisogna cominciare a spazzare davanti alla propria porta. Come si dice tra i contadini, queso è il caso del bue che dà del cornuto all'asino! Giro la palla ai colleghi americani" ha detto Putin prendendo la parola per rispondere a una domanda rivolta al premier francese François Fillon in una conferenza stampa congiunta.