Wind in crescita Tim arretra

L’Autorità per le Tlc

Nel 2004, «l’aumento di quota di H3g è stato accompagnato da una riduzione delle quote detenute dagli altri operatori, a eccezione di Wind». Lo rileva l’Autorità tlc. I dati elaborati in base ai ricavi del traffico voce e sms, escludendo il traffico dati, indicano che H3g, che nel 2003 ha mosso i primi passi guadagnando una quota di mercato dello 0,7%, a fine 2004 ha il 3,2%. Confrontando le quote 2003 e 2004, Tim scende dal 47,4% al 45,1%, Vodafone dal 38,3% al 37,6%, Wind sale dal 13,6 al 14,1%. Guardando alla dinamica delle quote di mercato in un arco di tempo più ampio, Tim appare in continuo calo dal 2000, quando secondo i dati dell’Autorità aveva una quota di ricavi del 60,3% (53,8% 2001, 52% 2002). Vodafone registra per la prima volta una flessione nel 2004: nel 2000 aveva una quota del 35,1%, salita al 35,4% nel 2001, al 36,8% nel 2002, al 38,3% nel 2003. Wind cresce di anno in anno: 4,4% nel 2000, 9,2% 2001 e 10,3% 2002.