Wind, l'utile netto sale al 50%

La capogruppo italiana per la telefonia del gruppo guidato dall’egiziano Naguib Sawiris, chiude il primo trimestre con utile netto in rialzo del 50% a 59 milioni di euro. I ricavi sono paria a 1.368 milioni: +6,3% sul primo trimestre del 2008

Roma - Wind, capogruppo italiana per la telefonia del gruppo guidato dall’egiziano Naguib Sawiris, chiude il primo trimestre con utile netto in rialzo del 50% a 59 milioni di euro. Lo dice una nota. I ricavi sono paria a 1.368 milioni, +6,3% sul primo trimestre del 2008. L’Ebit del periodo si attesta a 211 milioni, in rialzo del 7%; l’Ebitda di 468 milioni avanza del 2,7%. La generazione di cassa del trimestre è stata di oltre 200 milioni, mentre il debito netto complessivo registra a fine marzo un rialzo a quasi 6,2 miliardi di euro sui 6,07 a dicembre, per effetto di 185 milioni di dividendo pagato, cui si aggiungono un’acquisizione da 55 milioni e l’effetto di una "valorizzazione di derivati" non specificato.

Il rapporto debito finanziario netto/ebitda è modificato a 3,06 da 3,02 di dicembre. Nel mobile i clienti sono in aumento dell’8,5% a 17,2 milioni, con Arpu in calo del 7,8% a 16,8 euro. I clienti fissi sono 2,69 milioni di cui 1,85 mln in accesso diretto, con incremento del 20,5%. Visti i dati del trimestre, le attese del gruppo sono per "un anno di consolidamento e rafforzamento dei risultati e della posizione competitiva", dice la nota. Wind Telecomunicazioni fa capo agli interessi di Sawiris attraverso Weather Investments.