Il Worldwide di easyJet per voli a lungo raggio presto a Malpensa

La compagnia aerea britannica ha lanciato la piattaforma che consente di acquistare biglietti per collegamenti in connessione con vettori partner. L'operazione preso il via all'aeroporto di Londra Gatwick con WestJet e Norvegian

La compagnia aerea easyJet punta sulle connessioni dei suoi voli con quelli a lungo raggio offerti da altre compagnie aeree. Fulcro dell'operazione che interesserà anche l'aeroporto di Milano Malpensa dove opera dalla grande base al Terminal 2 dello scalo gestito da Sea, è la piattaforma Wordlwide by easyJet che offre il primo servizio globale offerta da un vettore europeo low fare, pensato come un hub virtuale che raccoglie e semplifica tutte le procedure.

Operazione avviata all'aeroporto di Londra Gatwick con i vettori WestJet e Norvegian come partner di lancio per voli voli sulle rotte di Nord America, Sudamerica ed Estremo Oriente. La fase successiva sarà l'estensione della connettività ad aereoporti consideratati "chiave" come Milano Malpensa, Ginevra, Amsterdam, Parisi Charles De Gaulle, Barcellona che coinvolgeranno altre compagnie aeree, in particolare che operano in Medio ed estremo Oriente.

Non solo, il Worldwide offre la possibilità di acquistare su easyJet.com anche biglietti di compagnie aeree partner come ad esempio la compagnia regionale scozzese Loganair i cui biglietti saranno in vendita dal prossimo mese sul sito. Loganair opera su un network complementare a quello di easyJet e permetterà ai passeggeri della compagnia di prenotare voli verso specifiche destinazioni regionali in Scozia. E i passeggeri easyJet possono anche acquistare prosecuzioni, via Londra Gatwick, su altri voli easyJet.

La compagnia spiega che il Worldwide by easyJet "non impatterà sulla puntualità e sul modello operativo", gli aeromobili continueranno a effettuare rotazioni in media di 25 minuti e "non ritarderà i voli per i passeggeri in coincidenza". Prevista una connettività minima di 2 ore e 30 minuti, per fare in modo che i clienti abbiano tutto il tempo di trasferirsi da un volo all’altro. Se un passeggero dovesse perdere il volo in connessione, sarà trasferito sul primo volo disponibile.

“Circa 70 milioni dei passeggeri che viaggiano in un aeroporto con i nostri aerei ogni anno, continuano il proprio viaggio su altri voli, prevalentemente di lungo raggio, ed è proprio a questo segmento che si rivolge Worldwide by easyJet - spiega Carolyn McCall, ceo di easyJet -. La nostra posizione di leadership nei principali aeroporti europei e l'attenzione che rivolgiamo al cliente hanno portato le maggiori compagnie aeree di lungo raggio a chiederci di collaborare e la nuova piattaforma tecnologica del partner Dohop ci ha permesso di lanciare oggi questa assoluta novità".

Informazioni: www.easyjet.com

Commenti

afafdert

Ven, 22/09/2017 - 12:59

"La fase successiva sarà l'estensione della connettività ad aereoporti consideratati chiave come Milano Malpensa" Si quando nel 2300? Per ora abbiamo un hub interccontinentale a Gatwick (Londra) di Easyjet, a Malpensa non c'è nulla e, molto sicuro non ci sarà nulla per molti secoli ancora. Una ragione in più per tornare a investire su Linate, portando l'aeroporto dagli attuali 10 milioni a 15.

afafdert

Ven, 22/09/2017 - 17:32

Il fatto che easyjet connetterà Malpensa con Londra Gatwick con le low cost che volano sul nord america, danneggerà le compagnie aeree a Malpensa (tra cui le americane) che volano sul Nord America.Quindi pure un danno per Malpensa.Questo dimostra che Malpensa è un aeroporto che ha esaurito la sua funzione propulsiva da quando era un vero hub in passato (che non tornerà mai più) fino al declassamento di oggi,resterà un medio gate intercontinentale e per le low cost,ma a questo punto il suo destino va assoultamente separato da quello di Linate.Che entrambi si sviluppino in base al loro potenziale.Tra l'altro entrambi gli aeroporti sono danneggiati dall'aeroporto di Bergamo dove Ryanair investe seriamente e non fa finta come a Malpensa.Gli aerei devono andare dove i clienti lo richiedono,via il vergognoso limite di slot da Linate che gli aeroporti italiani concorrenti(non Malpensa) usano per avvantggiarsi e danneggiare il sistema aeroportuale milanese.

Gibulca

Ven, 22/09/2017 - 23:44

Ma Linate vi sembra un aeroporto da presentare ai clienti? Una roba vergognosa. Un po' come se uno noleggiasse un'auto blu "NCC" e arrivasse una Panda di 12 anni fa. Linate va chiuso e destinato al traffico privato oppure va totalmente demolito e ricostruito, preferibilmente dall'altra parte dell'Idroscalo. Nell'articolo, caro Alberto, non è chiaro come venga coinvolta Malpensa