«Wto: senza intesa danno per tutti»

da Milano

Il fallimento del negoziato sul Doha Round in seno all’Organizzazione mondiale per il commercio (Wto) sarebbe «negativo per tutti». È la considerazione del neoministro dell’Agricoltura Paolo De Castro, a margine del Consiglio Agricoltura in corso a Bruxelles. Dello stato del negoziato i ministri Ue hanno discusso con il commissario competente Mariann Fischer-Boel durante il pranzo. «Siamo a una situazione ferma - ha affermato De Castro - non si registrano passi avanti sensibili. Speriamo che ci possano essere notizie positive». Il ministro ha sottolineato che «non c’è dubbio che questa situazione di stallo non è colpa della Commissione che sta facendo la sua parte. Ci attendiamo che da parte degli Usa ci siano delle risposte, perché il passo avanti fatto dall’Ue con la riforma della Politica agricola comune (Pac) deve trovare riscontro nella riforma delle norme americane». De Castro ha avvertito che «da un risultato negativo avremmo tutti da perderci. Ci perdiamo anzitutto perché gli Usa andranno per la loro strada, prorogando le normative che distorcono la concorrenza». D’altro canto, ha proseguito il ministro, «se non finiamo il negoziato potremmo perdere anche spazi importanti di crescita. Stiamo vivendo una crescita fortissima della domanda alimentare che è del 4% l’anno».