Lo yacht «Chaplin» indossa le stellette

La famiglia Novi, grande appassionata di vela e mare, cede alla Marina militare italiana il suo gioiellino a vela. Il cutter di 55 piedi, vittorioso in numerose regate, è stato consegnato ieri mattina durante una cerimonia ufficiale allo Yacht Club Italiano dal presidente dell'autorità portuale Giovanni Novi all'ammiraglio di squadra Paolo la Rosa, capo di stato maggiore della Marina. Il Chaplin, lungo 16,75 metri, largo 4,20 con un pescaggio di 2,40 e una stazza lorda di sedici tonnellate, tutto in legno e affascinante con le sue vele e i suoi alberi, stava davanti all'ingresso del più antico yacht club italiano, pronto a passare nelle mani dei giovani in casacca blu. Il cutter potrebbe anche spostarsi da Genova e andare a Venezia, dove potrebbe diventare una palestra per i ragazzi del collegio Morosini che forgia ogni anno centinaia di ufficiali super preparati. A parlare della probabile destinazione dello yacht è stato il capo di stato maggiore.
«Senza tralasciare la possibilità che partecipi a qualche importante regata - ha spiegato La Rosa - per mantenersi competitiva come è nel suo dna, la barca potrebbe andare al Morosini. Consideriamo Venezia il nostro centro culturale e la nostra idea è che il Chaplin possa essere destinato all'Arsenale militare della Serenissima. Ringrazio la famiglia Novi per questo meravigliosa cerimonia».
Anche il presidente dell'autorità portuale ha voluto salutare il cutter e per l'ultima volta si è messo al suo timone come armatore.
«Abbiamo deciso in famiglia - ha detto Novi - di dare la barca alla Marina militare perché non volevamo che finisse nelle mani di persone non appassionate di vela e di mare. Adesso penso alla presidenza del porto e al 5 febbraio quando dovrò lasciare il mio incarico. In pensione non ci vado. Non torno nemmeno nell'azienda di famiglia. Penso a una bella vacanza. Ne ho bisogno. Poi continuerò a rimanere nel settore marittimo».
Il Chaplin è stato disegnato nel 1973 da Carlo Sciarelli e costruito l'anno seguente dai cantieri Sangermani. Ha vinto la settimana delle Bocche, la Giraglia, la Telamone Marsala e detiene il record della Santa Margherita Ligure Gorgonia Santa Margherita Ligure con sedici ore e dodici minuti.