Yaris a rischio incendio: richiamate 100mila auto

Sono quasi 100mila in Italia le Toyota
Yaris interessate a un mega richiamo in fabbrica mondiale. Un difetto al sistema delle cinture di sicurezza può determinare surriscaldamenti e
innescare un incendio. 
A livello globale il richiamo
coinvolge quasi 1,3 milioni di veicoli

Roma - Sono quasi 100mila in Italia le Toyota Yaris interessate a un mega richiamo in fabbrica mondiale determinato da un difetto al sistema delle cinture di sicurezza, che in caso di incidenti può determinare surriscaldamenti e innescare un incendio di alcuni strati di gommapiuma isolante.

Il maxi-richiamo dall'Italia Nella penisola verranno richiamate 99.391 Yaris, secondo quanto riferito ad Apcom da Etienne Plas, portavoce di Toyota Motor Europe. I proprietari interessati verranno singolarmente avvertiti con una lettera, ha precisato, e la riparazione sarà effettuata "in tempi brevi e senza spese a loro carico". A livello globale il richiamo, annunciato ieri dagli Usa, coinvolge quasi 1,3 milioni di Yaris, ma il portavoce oggi ha precisato che si sono registrati solo tre casi in cui il potenziale rischio si è verificato e "nessun caso in Europa".

Auto "difettose" Le Yaris in questione sono state prodotte tra il giugno del 2006 e l’aprile del 2007. Il gruppo ha riscontrato un rischio nel sistema di pretensionamento delle cinture di sicurezza, "solo in caso di violenti incidenti - ha spiegato Plas - e in circostanze estreme" può determinare fuoriuscite di gas e eventuale "surriscaldamenti che possono infiammare la gommapiuma isolante" in prossimità della cintura. "Purtroppo questo problema ha riguardato molti paesi - ha proseguito Plas - anche in Europa, in Italia ci sono 99.391 Yaris interessate. Una lettera verrà inviata ai singoli proprietari, nelle officine le riparazioni verranno effettuate senza spese a loro carico e in tempi brevi. Ci scusiamo con i nostri clienti".