Yellowjackets, dagli Usa al Blue Note

Domani il Caffè Doria Jazz Club (viale Doria 22,ore 22) attende i cultori del jazz classico con i Mainstreamers del sassofonista Bruno Longhi coadiuvato da Alfredo Ferrario clarinetto, Carlo Uboldi pianoforte, Daniele Tortora contrabbasso e Massimo Caracca batteria; giovedì alla stessa ora ritorna da New Orleans la cantante e chitarrista Denise Marie in un programma ispirato al jazz e al folk della sua città. Mercoledì 5 presso la Trattoria Arlati in via Nota 47 si esibisce alle 22 la Nota Band con Vittorio Castelli clarinetto e canto. Il Blue Note propone, da mercoledì a sabato, otto concerti complessivi, alle 21 e alle 23.30, per gli appassionati della fusion: arrivano gli Yellowjackets, con Bob Mintzer sassofono, Russell Ferrante tastiera, Jimmy Haslip basso e Marcus Baylor batteria: la migliore band americana del genere. All'Auditorium di Bollate prosegue giovedì 6 alle 21 la dodicesima rassegna «Conoscere il Jazz» dedicata quest'anno ai Sixties, cioè al jazz rovente degli anni Sessanta. E' di scena il trio del contrabbassista Eddie Gomez che fu a lungo collaboratore fondamentale di Bill Evans, con Stefan Karlsson pianoforte e Duduka Da Fonseca batteria. Venerdi 7 marzo prosegue anche, alle Scimmie di via Ascanio Sforza 49 (ore 22.30), il programma «Jazz sotto la Luna» con Fabrizio Bosso, Lorenzo Tucci e Luca Bulgarelli. Domenica 9 si conclude a Rivolta d'Adda la decima edizione di «RivoltainMusica»: suona il Trib Quartet di Piero Odorici con Luis Agudo alle percussioni.