Yemen, l'opposizione firma per la transizione Elezioni entro due mesi

Domani l'accordo sarà firmato dal presidente Saleh che dovrebbe lasciare il potere entro un mese in cambio di immunità

Sanaa - L’opposizione yemenita ha firmato stasera a Sanaa, alla presenza di un emissario delle monarchie arabe del Golfo, un accordo di transizione che prevede le dimissioni del presidente Ali Abdallah Saleh. Lo ha reso noto un dirigente dell’opposizione. Il piano, elaborato dal Consiglio di cooperazione del Golfo (Ccg) con l’aiuto degli Stati Uniti e dell’Unione europea, dovrebbe essere sottoscritto domani da Saleh. In base all’accordo, l’opposizione dovrebbe formare un governo di riconciliazione e il presidente dovrebbe lasciare il potere entro un mese, in cambio dell’immunità per se stesso e per i suoi. Entro 60 giorni, poi, dovrebbero svolgersi elezioni presidenziali. L’accordo è stato firmato dai leader del Forum Comune, una coalizione dei partiti dell’opposizione parlamentare, nella residenza del capo negoziatore Mohamed Bassandawa, alla presenza del segretario generale del Ccg, Abdellatif Zayani. Dal gennaio scorso lo Yemen è stato investito da una rivolta popolare contro il regime del presidente Saleh, da oltre 30 anni al potere, accusato di corruzione e nepotismo. La rivolta è costata la vita a 180 persone, secondo una stima dell’Afp.