Con Yokohama «Drive» si può consumare meno

Cosa offrono le gamme di pneumatici «A», «C» e «S»

Luca Crispi

da Milano

Tre lettere dell’alfabeto per altrettanti pneumatici Yokohama: «A», «C» e «S». Quest’ultimo, in particolare, è un prodotto sportivo che la casa giapponese ha progettato per le vetture di media cilindrata. S-Drive completa la «famiglia Drive», di grande importanza per Yokohama Italia. La gamma era stata composta finora da C-Drive, prodotto dedicato principalmente al comfort di marcia, e da A-Drive, che ha saputo trasformare la propria economia di esercizio in prestazioni di tutto rispetto. La famiglia Drive mancava così di un pneumatico «high performance» che potesse al meglio trasmettere lo spirito Yokohama: «Nel cuore delle performance». S-Drive assicura piacere di guida in tutta sicurezza e vanta un design aggressivo e accattivante. Ampie scanalature centrali avvantaggiano la direzionalità, mentre quelle laterali, più piccole, permettono un’efficace espulsione dell’acqua. La spalla, rigida e «chiusa», è sinonimo di tenuta e precisione in appoggio in curva. A-Drive, invece, ultimo nato nella gamma vettura, è stato concepito per garantire le migliori performance in termini di comfort ed ecologia.
«La lettera “A” - spiega il direttore commerciale di Yokohama Italia, Claudio Galeazzi - evidenzia la scelta di generare uno pneumatico attento all’impatto che il suo utilizzo ha sull’ambiente. Destinato alle auto di media e piccola cilindrata, la maggiore economia di esercizio deriva dalla mescola progettata per ridurre l’attrito durante il rotolamento e quindi il consumo dello stesso pneumatico. Una minor resistenza al rotolamento incide positivamente anche sul pieno». C-Drive, infine, privilegia, insieme ad affidabilità e sicurezza, il comfort e la silenziosità.