Zaleski: energia e banche restano i cavalli di battaglia

Ma il finanziere è cresciuto anche in Telecom e Fondiaria Sai

da Milano

Dividendi incassati per oltre 56 milioni di euro, cessione del 15,33% della società energetica Multiutility, incremento all'1,594% in Banca Intesa e all'1,0875% in Fondiaria Sai, acquisto di un primo pacchetto di azioni Generali (per poi superare il 2% dopo la chiusura dell'esercizio), cessione di azioni Asm per oltre 41 milioni e dichiarazione di interesse per l'ipo di Edf. Sono le novità che emergono dal bilancio della Carlo Tassara, la holding del finanziere Romain Zaleski che attraverso la sub-holding lussemburghese Carlo Tassara International custodisce l'8% circa di Arcelor. In portafoglio alla Carlo Tassara altri pacchetti, fra cui Telecom Italia, Enel e Seat Pg.
Nel corso del 2005 sono diverse le operazioni di trading effettuate dalla holding, a cominciare dalla sottoscrizione della quota di propria spettanza dell'aumento di capitale della Mittel, la finanziaria presieduta da Giovanni Bazoli, mantenendo invariata la partecipazione al 20,29%. Di Multiutility, la società veronese che opera nel trading energetico, la Carlo Tassara ha alienato la gran parte della partecipazione, mantenendo solo l'1,33% del capitale. L'incremento della quota in Banca Intesa è costato 73,8 milioni, compensato dall'ingresso di Zaleski nel patto di sindacato.
L'aumento in Fondiaria-Sai ha invece comportato investimenti per oltre 31 milioni. Durante l'anno sono state acquistate 900mila azioni Enel per un totale di 6,3 milioni e 10 milioni di Telecom Italia per 24,8 milioni, operazioni di compravendita hanno riguardato azioni Edison e relativi warrant.