Zamparini: «I nerazzurri, gente presuntuosa»

da Palermo

Con quella sua naturale indole da Lord, Maurizio Zamparini, presidente del Palermo e vicepresidente di Lega in attesa di ratifica, sabato ha celebrato il successo sull’Inter con il gesto dell’ombrello. Esemplare, addirittura insuperabile quando la rappresentazione di scena è stata rivolta nei confronti di una signora, ovvero Bedy Moratti, sorella del patron dell’Inter, tifosa appassionata, mai lontana dal naturale stile di famiglia. Vero, ad ognuno il proprio stile. Zamparini poi si è scusato negli spogliatoi.
Ieri ha aggiunto: «Sono contento di aver battuto Facchetti 19-1 nella votazione per diventare consigliere federale. E quel voto è dell’Inter». Ma la votazione non c’è mai stata. Poco male per il nostro Lord che, ripreso un po’ di fiato, ai microfoni di Telelombardia, ha deciso di sparare a zero sui nerazzurri. Il leit motiv del Zamparini-pensiero è molto chiaro: gli interisti sono dei presuntuosi. A partire da Roberto Mancini. «Non ha mai imparato cos’è l’umiltà», ha sentenziato il presidente rosanero. Poi è passato a Luis Figo, fiore all’occhiello della campagna acquisti del suo collega Moratti. «È un presuntuoso di natura. Figurati se si sacrifica per la squadra...».
Zamparini dixit. Con la solita, caratteristica, dose di umiltà.