Lo Zapata occupa Tursi: «Case ai poveri»

Hanno «occupato» l'ufficio del sindaco Giuseppe Pericu per chiedere una casa per una famiglia tunisina e un'anziana sfrattati, che rischiano la prossima settimana di finire per strada. Così una decina di giovani del centro sociale Zapata di Genova hanno manifestato ieri contro il provvedimento di sfratto. L'occupazione è stata decisa dopo aver chiesto un incontro con il sindaco, che poi li ha ricevuti promettendo interessamento alle loro richieste. «Chiediamo l'apertura di un tavolo di trattativa sull'emergenza abitativa a Genova, ma soprattutto una immediata soluzione per i due casi più urgenti» hanno detto i ragazzi, che hanno manifestato insieme ad alcuni sfrattati. I due casi ai quali hanno fatto riferimento sono quelli di Pasqualina, 83 anni e invalida che dovrà lasciare il 15 novembre la sua casa a Palmaro, e quello della famiglia tunisina formata da papà, mamma al settimo mese di gravidanza e una bimba di tre anni, che sarà sfrattato il 14 dall'appartamento di corso De Stefanis.