Zapatero: molto bene ma l’Eta è un’altra cosa

Madrid. Il premier spagnolo José Luis Rodriguez Zapatero ha definito «una grande notizia» l'annuncio dell'Ira, ma ha chiesto di non fare paragoni con la situazione dell'Eta in Spagna.
Zapatero, citato dai media spagnoli, ha detto che le due situazioni sono molto diverse ed ha invitato alla «pazienza» e ad aver «fiducia» che si possa giungere anche in Spagna alla fine del conflitto basco. Ha poi sottolineato come il processo di pace nell'Ulster sia stato di lunga gestazione (sette anni), e che al successo ha contribuito anche l'atteggiamento dei principali partiti britannici, che si sono mostrati «assai d'accordo» sulla strategia da seguire.
Il premier ha poi rivelato che nel corso del suo colloquio di mercoledì a Londra con il Primo ministro britannico Tony Blair, questi gli aveva preannunciato la possibilità dell'iniziativa dell'Ira di un disarmo in tempi brevissimi.
Il portavoce del Partito Socialista alla Camera, Alfonso Perez Rubalcaba, ha espresso la propria soddisfazione per l'annuncio, osservando che «rimane da aspettare che chi deve prendere nota lo faccia», riferendosi ai terroristi baschi dell'Eta: «In una democrazia non è possibile raggiungere alcun obbiettivo politico attraverso la violenza».