Zauli soffia il posto a Flachi

Emmanuele Gerboni

Un black out. La mente della squadra che all'improvviso si offusca, mentre gli altri, quelli del Chievo, corrono come dannati e mandano in delirio i cento tifosi veneti rinchiusi nella "gabbia" di Marassi. Walter Novellino non deve averci dormito, se alla ripresa degli allenamenti, a Bogliasco, parla in questi termini della brutta prestazione della Sampdoria, domenica pomeriggio contro la squadra di Bepi Pillon: «Siamo andati in tilt per colpa di un black out generale - dice, a mente fredda - È probabile che, a livello inconscio, i ragazzi siano scesi in campo con la convinzione di vincere senza problemi la partita. Li ho visti appagati, come se la vittoria fosse dietro l'angolo. Invece l'impegno era più difficile del previsto anche se non mi sono piacuti i proclami presuntuosi di Pillon prima della gara». Nessuna scusa, niente alibi del giorno dopo. Novellino è fatto così: se la squadra lo delude, difficilmente si arrampica sugli specchi. Potrebbe recriminare per quella dubbia caduta in area di Flachi, al terzo minuto di recupero: Cassarà avrebbe potuto fischiare il rigore senza essere crocifisso dai veneti. Invece "Monzon" bacchetta i suoi: al prossimo black out, sembra voler dire, vedrete la versione peggiore del vostro allenatore.
Il pensiero della squadra, intanto, corre già all'impegno di coppa Uefa (forse in diretta su Sportitalia, anche se manca l’ufficialità. Un impegno ostico, perché l'1-1 dell'andata sarà anche un buon punto di partenza, ma è anche vero che i portoghesi del Vitoria Setubal non verranno certo a Marassi per stendere tappeti rossi davanti a Bonazzoli e compagni. «È una partita importante, ci giochiamo tutto in novanta minuti - conferma Novellino - Mi auguro che la squadra affronti questo impegno con la determinazione giusta, senza farsi prendere dall'ansia del risultato. Il rischio è grosso: uscendo dalla coppa Uefa rovineremmo quanto di buono abbiamo fatto negli ultimi anni. Preoccupato? No, assolutamente. So che i ragazzi non mi deluderanno. Faranno una grande prestazione, potete starne certi». Flachi partirà dalla panchina, al suo posto dal primo minuto giocherà Zauli. Scelta tecnica? «Francesco sta attraversando un momento particolare - ammette il mister - ma grazie a Dio nel suo ruolo sono copertissimo. Zauli sarà all'altezza della situazione. E poi, sapete come sono fatto: quando prendo una decisione penso esclusivamente al bene della squadra, non del singolo giocatore». Qualche tifoso, dopo il k.o. contro il Chievo, ha manifestato un certo timore per una rosa abbastanza ristretta: «Quando recupereremo tutti gli assenti le cose cambieranno. Dateci due settimane di tempo prima di giudicarci». Nessuno però perde l’ottimismo e tutti i blucerchiati hanno intenzione di godersi il ritorno in Uefa: la «Federclub» accoglierà i tifosi portoghesi con un rinfresco a base di prodotti tipici locali nell’area d’oingresso adiacente al settore ospiti poco prima del match, mentre i «Fedelissimi» metteranno in vendita, al prezzo di 5 euro, 5 mila bandierine per celebrare il ritono della Samp in Europa.