Al Zawahiri riappare in video ed esorta alla «guerra santa»

Nuova apparizione di Ayman al Zawahiri, il numero due di Al Qaida, che esorta in un video i combattenti ad unirsi e chiede alle popolazioni musulmane sostegno totale alla jihad. Il video è stato ottenute dal Site Institute, gruppo di intelligence che monitora il terrorismo. Zawahiri lancia l’ennesimo attacco alla famiglia reale saudita avvalendosi di alcuni passaggi di «Piano di attacco», il libro di Bob Woodward, il giornalista del Washington Post che insieme al collega Carl Bernstein fece scoppiare il caso Watergate che portò alle dimissioni di Nixon. Nel filmato di un’ora e mezzo il medico egiziano usa le parole di Woodward per tracciare un quadro delle responsabilità dei sauditi nella guerra in Irak. Il video contiene una nuova accusa al movimento palestinese di Hamas, colpevole di essere sceso a patti con i Paesi occidentali e aver soppresso la sharia, la legge islamica. La scoperta del video ha seguito di qualche ora un messaggio diffuso su un sito jihadista, secondo il quale ad apparire in un filmato sarebbe stato lo stesso Osama Bin Laden.