Zegna chiude un 2005 da record

da Milano

Il gruppo Ermenegildo Zegna, leader nell’abbigliamento maschile di lusso, archivia un 2005 record. L’utile netto è di 52,6 milioni, in crescita del 18,4% rispetto al 2004, mentre il fatturato sale del 12,4% a 712,7 milioni, grazie anche alla crescita delle vendite in Cina, che diventa il quinto mercato mondiale del gruppo. Migliora anche la posizione finanziaria, che è salita a 90,4 milioni (+7,2% rispetto all’esercizio precedente). Si tratta, in assoluto, di una delle migliori performance registrate dal gruppo, presente in oltre 60 Paesi, che ha il suo punto di forza nell’importante rete di negozi monomarca: 473, di cui 187 in proprietà. Il marchio Ermenegildo Zegna cresce, a cambi correnti, complessivamente del 17%. «Il risultato netto e la posizione finanziaria netta - ha affermato Ermenegildo Zegna, amministratore delegato del gruppo insieme al cugino Paolo - testimoniano l'ottimo stato di salute del gruppo. L'accordo che abbiamo recentemente sottoscritto con la società di Tom Ford e Domenico De Sole per la produzione e la distribuzione mondiale di capi prêt à porter e su misura e calzature di altissima qualità firmati Tom Ford, va in quella direzione. I risultati del primo trimestre 2006 ci confermano che stiamo facendo le cose giuste nel modo migliore». Sulla base dei tassi di crescita, la Cina si conferma al primo posto con una crescita del 41%, seguita da Germania (+31%), Corea (+29%), Russia (+27%), Giappone (+18%), Nord America (+14%), mentre l'Europa, complessivamente considerata, chiude con una crescita del 13 per cento.