Zegna: «Un passo avanti, chi viola le regole va punito

Soddisfazione è stata espressa anche dal presidente della Smi-Ati, la Federazione delle imprese tessili e della moda, Paolo Zegna: «Va dato atto al governo, e in particolare al ministro Emma Bonino - si legge nella nota scritta da Zegna - di aver convinto i Paesi membri dell’importanza di queste misure. Così come va dato atto, per la tenacia con cui ha difeso i nostri calzaturieri, al presidente dell’Anci, Soldini. Chi viola le regole va sanzionato».
«Gli strumenti di difesa commerciale, quale appunto è l’antidumping - scrive ancora Paolo Zegna - dimostrano di essere indispensabili per il free and fair trading e qualsiasi azione volta a sminuirne l’efficacia rischia di minare gravemente gli interscambi commerciali e svuotare di significato l’accordo appena raggiunto in sede europea. Le industrie italiane del Made in Italy non hanno paura di competere con la nuova concorrenza dei Paesi a bassi costi di produzione».